Modena City Ramblers

Pasta nera

0 di 50 di 50 di 50 di 50 di 5 0 Voti
    
Pasta nera

Testo

Sui treni del bestiame oggi partono i bambini,
sui treni per l'Emilia un bambino per famiglia,
è festa, i canti e poi bandiere rosse,
il tricolore e un treno unisce la Nazione.

Da Napoli, da Roma, per Modena o per Reggio,
non si aprono le ville abbandonate dai ricconi
ma il cuore e le case di onesti lavoratori
che accolgon questi figli spediti sui vagoni.

E Pasta nera c'è,
per gli ultimi,
per gli umili,
per chi Stato non è.
E Pasta nera è
perché dove si mangia in sei
si mangia anche in sette!

Attenti in Alta Italia si mangiano i bambini,
ma la fame fa più paura, non c'è leggenda che può fermare
questa nuova rivoluzione, una Italia da ricucire,
che ora sud rimanga solo un punto cardinale!

E Pasta nera c'è,
per gli ultimi,
per gli umili,
per chi Stato non è.
E Pasta nera è perché dove si mangia in sei
si mangia anche in sette!

Sono neri i chicchi di grano bruciati dai raggi del sole,
caduti a terra durante la mietitura in tempo di raccolto, strappati dalla spiga, lasciati bruciare così,
come la guerra che ti schiaccia e ti lascia lì.

Immagina che notte, le facce ai finestrini,
urla, risa, giochi, semplicemente bambini.
Ora sui binari viaggia la speranza,
ora sui binari arriva la coscienza.

E Pasta nera c'è,
per gli ultimi,
per gli umili,
per chi Stato non è.
E Pasta nera è perché dove si mangia in sei
si mangia anche in sette!

E Pasta nera c'è,
per gli ultimi,
per gli umili,
per chi Stato non è.
E Pasta nera è perché dove si mangia in sei
si mangia anche in sette!

E Pasta nera c'è,
per gli ultimi,
per gli umili,
per chi Stato non è.
E Pasta nera è perché dove si mangia in sei
si mangia anche in sette!



Ascolta la canzone

« La guerra d'l barot Niente di nuovo sul fronte occidentale Canzoni Fiori d'arancio e baci di caffè »

Tutti gli estratti dei testi musicali contenuti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori.